Come funziona la saldatura con gli elettrodi

Cosa sono gli elettrodi per saldatrici e cos’è nello specifico la saldatura con gli elettrodi. Questi sono i due temi affrontati nell’articolo di oggi. Sicuramente ne avete già sentito parlare e probabilmente conoscete di nome la saldatura a fusione. Bene, sappiate che è il tipo di saldatura più versatile ma anche quella più economica, ecco perché quando è possibile viene scelta proprio lei.

La saldatura a fusione infatti viene usata di gran lunga anche all’interno del settore hobbistico, però comunque occorre sempre una buona esperienza perché secondo me resta pur sempre un lavoro decisamente più idoneo all’interno degli ambienti professionali, come un’officina ma anche un cantiere. Viene apprezzata infatti perché può essere usata soprattutto su quasi ogni materiale.

Ricordati che la saldatura però è pensata sui metalli e basta. Perciò già ci stiamo rivolgendo a questo specifico campo. Tra i materiali sulla quale non può essere usata la saldatura con gli elettrodi ci sono quei materiali basso fondenti. Ma anche i materiali refrettari e quelli che possiedono invece l’ossigeno. Non va bene se utilizzata sulle lamine molto sottili. Per le lamine con spessori elevati potrebbe andar bene ma in questo caso avrebbe poco senso perché costerebbe troppo, esistono tecniche più idonee perciò.

Tutto ciò che vi occorre per svolgere questo tipo di saldatura è una saldatrice, gli elettrodi per saldare e la maschera per poter eseguire la saldatura in modo sicuro, più tutte le altre protezioni necessarie. Vediamo brevemente come può essere eseguita una saldatura con gli elettrodi.

Per prima cosa dovete eseguire la saldatura andando a inclinare l’elettrodo rispetto al piano da saldare. Portatelo a un’inclinazione di circa 35-45°. Ricordatevi di indossare sin da subito le protezione, di impugnare la pinza dell’elettrodo con la mano da lavoro e andare ad allineare i due pezzi da saldare in modo perfetto, da sinistra a destra. Adesso continuate accendendo l’elettrodo. Ricordatevi che dal momento stesso in cui tocca il corpo metallico si avvia la scintilla, perciò avvicinatelo con attenzione perché è questo il momento più delicato.

 

Considerate poi che in base al materiale con cui è stato rivestito l’elettrodo non è detto che il metallo fonda. Perciò dovete muovere la pinza da sinistra verso destra rapidamente così da poter eseguire la vostra saldatura. Vi suggerisco all’inizio di farlo su pezzi di prova perché dovete allenarvi e soprattutto imparare a stabilire il corretto valore della corrente così da avere risultati buoni. Se la impostate scegliendo un’intensità troppo alta si formano i bordi e diminuisce lo spessore. Nel caso contrario potrebbe creare bordi.