Come si puliscono i 4 tipi di pavimenti più diffusi: i consigli degli esperti

Il parquet in legno

Un pavimento molto diffuso è il parquet in legno che va pulito con qualche accortezza in più altrimenti si rovina. Il consiglio di una valida impresa di pulizie Roma è di lavare il pavimento con poca acqua, facendo attenzione a strizzare bene la pezza altrimenti l’eccesso di acqua potrebbe infiltrarsi tra i listelli facendoli imbarcare dato che dopo tutto si tratta di legno. Inoltre, le goccioline di acqua che restano durante la fase di asciugatura se si utilizza troppa acqua tendono a lasciare un alone. Il legno va poi nutrito con la sua cera apposita.

Il pavimento in laminato

Un tipo di pavimento che risulta molto pratico è quello in laminato, praticamente la versione low cost del parquet. Si tratta di un pavimento in legno non nobile, perciò meno costo, rivestito con uno strato vinilico. La pulizia può essere fatta senza particolari attenzioni anche perché questa tipologia di rivestimento è resistente all’acqua grazie a particolari trattamenti subiti, infatti il laminato può essere posato anche in bagno e in cucina.

I rivestimenti con le piastrelle

Le piastrelle sono una pavimentazione oltre che un rivestimento tra i più diffusi e perciò è bene sapere come pulirlo bene. Non servono particolari accortezze durante la fase di pulizia ma il problema è rappresentato dallo sporco che va a depositarsi negli spazi tra una piastrella e l’altra, cioè nelle cosiddette fughe. La loro pulizia si effettua con la vaporella dell’impresa di pulizie Roma che scioglie lo sporco all’istante riportando le fughe alla loro situazione originaria.

Il pavimento in marmo

La pavimentazione in maro è bellissima da vedere ma ha bisogno di cure e attenzioni perché preservi la sua originaria bellezza e splendore. Un po’ come con il parquet in legno, il lavaggio va fatto con poca acqua altrimenti restano le tracce delle goccioline di acqua che si asciugano. Inoltre, il pavimento in marmo va anche lucidato con una macchina professionale come la lucidatrice.