Consolidamento ipoteca in relazione ai mutui

Nella maggior parte dei casi, rivolgendosi ad un istituto di credito per ottenere un mutuo destinato all’acquisto di un immobile, la banca esige come garanzia la sottoscrizione ad ipoteca del bene acquistato, o eventualmente di un altro bene immobile o patrimonio di proprietà del beneficiario del prestito, quale fattore di sicurezza nel caso in cui, per qualsiasi ragione, egli non dovesse essere più in grado di rispettare la scadenza delle rate: in questa situazione la banca potrà rivalersi sulla proprietà del debitore, ed eventualmente attivare la procedura di esproprio.

Il consolidamento e ipoteca è relativo a questa garanzia, e si riferisce al periodo di tempo che le banche lasciano trascorrere prima di erogare il mutuo, per attendere appunto che l’ipoteca si consolidi, e diventi effettiva. Infatti, talvolta, a causa delle norme legislative, può accadere che la banca sia obbligata ad attendere dieci giorni prima di poter verificare l’efficacia dell’ipoteca: al termine di questo periodo, lo studio notarile che si è occupato della pratica, provvede ad inviare comunicazione alla banca stessa in relazione al consolidamento ipoteca. Con questa procedura, la banca si tutela nei confronti di imprenditori, commercianti e professionisti che potrebbero fallire, con conseguenze negative per l’ente che ha erogato il mutuo.

E’ tipico di alcune banche, per non incorrere in problemi di natura fallimentare pur senza attendere che trascorra il periodo di consolidamento per procedere con l’erogazione del prestito, richiedere una commissione a titolo di copertura del rischio, al fine di erogare immediatamente il mutuo. L’alternativa alla richiesta della commissione è l’erogazione differita dell’importo richiesto in prestito, vale a dire non prima del termine di 10 giorni necessario per il consolidamento ipoteca. Se l’attesa di una decina di giorni si dimostra particolarmente problematica per il beneficiario del prestito, è possibile ricorrere a soluzioni alternative, quali possono essere i compromessi di compravendita, il prefinanziamento e altre formule personalizzate proposte dalla banca.

In ogni caso, prima di richiedere un mutuo, è opportuno informarsi con la massima attenzione riguardo a tutte le norme e le clausole, per avere la sicurezza della totale osservanza della legge e per evitare di incorrere in problemi.