Cos’è e come funziona un estrattore di succo

Questo utensile domestico nasce nella prima parte del 1900 eppure il suo successo arriva molto dopo nel tempo. Chiamato anche col nome di masticatore, l’estrattore di succhiè un elettrodomestico che riesce ad estrarreil succo da verdura e frutta delicatamente e a basse temperature.
I tempi attraverso cui lavora l’estrattore che rientrano tra le 60 e le 160 rotazioni ogni minuto e coinvolgono il cestello interno rappresentano la modalità che consente all’estrattore di succo di conservarei nutrienti che vengono trasferiti nella parte liquida della frutta che viene inserita nell’estrattore.
I modelli di estrattore sono nella stragrande maggioranza dei casi a funzionamento verticale e scartano in modo automaticola polpa e la scorza, andando a realizzare un succo privo di polpa.

I diversi modelli di estrattore reperibili sul mercato e le loro caratteristiche

Gli estrattori presenti sul mercato attualmente sono di due generi, entrambi producono succhi ma agiscono in maniera totalmente diversa rispetto alla salute della persona, ma prima di inoltrarci su questo tema ecco quali estrattori esistono in commercio:

  • Centrifughe (o Estrattori a caldo)
  • Estrattori a freddo (o masticatori)

Partendo dalle centrifughe che vengono anche definite come estrattori a caldo va detto che queste funzionano attraverso il calore da questo cambiando anche i sapori e ciò ricade direttamente sulla salute della persona. Il meccanismo di funzionamento prevede 30 mila rotazioni al minuto ed un immissione di aria con una conseguente ossidazione anticipata.

Le lame di questo utensile da cucina vanno a triturare finemente la verdura a la frutta consegnando microparticelle, che a contatto con l’aria ne modificano le proprietà chimiche sul loro piano  biologico, cambiano quindi anche:

  • Gusto
  • Valori nutrizionali

Poi ci sono gli estrattori a freddo, quelli sui quali ci concentriamo nel nostro articolo, questi masticatori esistono come detto da molto tempo ma sono stati scoperti dalla clientela relativamente da poco e hanno ottenuto così il successo meritato.

Gli estrattori a freddo tirano fuori il succo in modo gentile e usufruendo di basse temperature. I giri svolti all’interno del cestello interno sono tra 60 e 160 al minuto, molti meno di quelli fatti dall’altro modello ma questi permettono di non ossidare il cibo mantenendo inalterate le proprietà dello stesso e anche i loro valori nutrizionali.

Vi è un solo svantaggio in questo prodotto, quello della mancata pastorizzazione del prodotto per cui i succhi vanno consumati entro breve tempo dopo essere stati estratti.

Ma per contro, i vantaggi di questo tipo di estrattore sono innumerevoli, eccoli a seguire:

  • L’economicità di questo modello di estrazione
  • Garanzia sulla prima spremitura rispetto alle proprietà e ai valori nutrizionali garantiti
  • Grande qualità del succo

Va comunque ricordato che non è solo l’estrattore che sia a caldo o a freddo che garantisce la qualità delle materie prime, quella dipende anche dalla filiera, per cui acquistare prodotti biologici e a Km 0 è il miglior modo di sapere ciò che si consuma anche per quanto riguarda i succhi prodotto da questo elettrodomestico.

Inoltre gli estrattori a freddo garantiscono il consumo di un succo che ha una consistenza piuttosto densa visto che contiene più polpa. Per cui se amate maggiore polpa nel vostro estratto anche in questo caso il consiglio è quello di acquistare un estrattore a freddo potrete sempre filtrare il contenuto se la polpa presente vi sembra troppa.

Cosa realizzare con un estrattore di succo

Con un estrattore infine potete realizzare molte ricette svariatisucchi di frutta o verdura, ai quali si aggiungono:

  • gelati
  • pesti
  • zuppe
  • composti di frutta (marmellate)

La varietà è ampia occorre solo che impariate ad impiegare questo strumento da cucina tanto versatile quanto utile.

Se stai cercando idee regalo per il compleanno ti consigliamo di visitare il portale www.regalini.it