FAQ; cioè le domande più frequenti che vengono poste nell’ambito della caldaia e della sua manutenzione

In che situazioni chiamare il tecnico?

Sono diverse le situazioni che richiedono il tempestivo intervento della ditta di manutenzione e riparazione caldaie a Roma. Anzitutto, è di fondamentale importanza ricordarsi di chiamare con una certa regolarità il tecnico per eseguire dei controlli regolari, dato che lo prevendono anche le norme vigenti. Il tecnico va chiamato subito in caso ci dovessero essere dei guasti, un blocco o altri problemi. Se si sente un odore di gas nel locale dove è installata la caldaia è meglio, spengere tutto e alzare subito il telefono per contattare il tecnico di fiducia. Altri casi in cui serve un bravo termotecnico è quando i consumi fatturai in bolletta sono in aumento senza ragione o quando l’indicatore che segna la temperatura dei fumi è nella zona rossa.

Perché affidarsi a una ditta abilitata?

Si deve sempre far riferimento a un bravo tecnico della manutenzione e riparazione caldaie a Roma per poter accedere finalmente a tutti i maggiori vantaggi come il miglioramento termico, l’ottenimento delle certificazioni necessarie e l’suo di pezzi di ricambio originali.

Chi deve chiamare il caldaista?

La ditta di termotecnica deve esser chiamata da chi ha la responsabilità dell’impianto. il responsabile di solito il proprietario di casa, a meno che l’abitazione non vanga data in affitto, allora in tale caso deve occuparsene l’inquilino. Se si parla di una caldaia centralizzata, l’onere della responsabilità e della gestione dell’apparecchio che serve tutti gli appartamenti del condominio spetto all’amministratore a chine fa le veci.

Chi paga il conto della ditta di manutenzione?

Il conto relativo all’intervento della ditta di manutenzione della caldaia deve essere pagato dalla persona su cui ricade la responsabilità, se si dovesse tratta di una caldaia di tipo autonoma. Se il responsabile è l’inquilino, il conto è tutto a suo carico senza che lo divida con il proprietario. Se la caldaia dovesse esse centralizzati, allora il conto relativo all’intervento del caldaista è diviso tra tutti i condomini, i quali hanno un bel risparmio.