Isolamento termico: come migliorarlo e perché

Sono tante le ragioni per cui preoccuparsi di migliorare l’isolamento termico tra le mura domestiche. Di seguito in questo breve approfondimento vediamo di capire quali sono questi motivi e soprattutto quali gli interventi che assicurano il migliore dei risultati.

Perché preoccuparsi dell’isolamento termico

La principale ragione per cui bisogna preoccuparsi dell’isolamento termico riguarda l’efficienza del sistema di riscaldamento e del condizionatore di aria. Una casa non è perfettamente con coibentata e isolata, non riesce a mantenere una temperatura stabile all’interno ma disperde il calore generato dal sistema di riscaldamento verso l’esterno. Va a finire che si è costretti a mantenere il sistema di riscaldamento acceso per molte ore al giorno senza riuscire a raggiungere la temperatura ideale. Questo provoca un grande consumo di combustibile, aumentando la bolletta del gas arriva a fine mese. Lo stesso più o meno succede nel caso dell’aria condizionata.

Come migliorare l’isolamento termico

Per fortuna, ci sono tanti interventi che puntano a migliorare la coibentazione e isolamento termico di casa, come per esempio la sostituzione degli infissi ama. Tante volte capita che l’Isolamento sia insufficiente per colpa di infissi datati obsoleti. Oggi sul mercato ci sono serramenti e infissi a Roma con caratteristiche superiori in grado di migliorare l’efficienza del sistema di riscaldamento e di raffrescamento dell’aria. Il passaggio dell’aria da fuori, calendario delle domestiche si ottiene la temperatura ideale per un confort massimo ma anche un netto risparmio sulle utenze domiciliari.

Un altro tipico intervento che spesso si studia per migliorare l’isolamento termico di una abitazione, è il cosiddetto cappotto termico. Si tratta di rivestire l’esterno dell’abitazione con degli speciali pannelli in polistirolo al fine di ridurre la dispersione termica. Intervento davvero molto semplice e veloce che non è crea un tipo di disturbo in casa perché si svolge tutto all’esterno nel giro di pochi giorni di lavoro al massimo. Infine, per migliorare l’isolamento termico conviene anche preoccuparsi dello stato delle porte che devono bloccare il passaggio della temperatura da dentro a fuori l’abitazione.