Vendere oggetti in oro: cosa portare al negozio

Ecco che cosa è possibile portare a un negozio di compro oro per avere un profitto.

I gioielli

I gioielli sono la prima cosa da portare al negozio di compro oro. Tutti i gioielli possono esser portati, a patto che siano in metallo massiccio e non solo ricoperti in oro. Ci sono alcuni gioielli, e anche altri oggetti, che non sono interamente di oro ma si tratta di prodotto solo rivestiti con una sottile patina di oro oppure che hanno fatto un bagno superficiale del prodotto liquido. Se il gioiello ha delle pietre preziose incastonate, anche queste solo valutate e il valore dell’oggetto può solo aumentare così da incassare di più.

Altri oggetti

Tutti gli oggetti che sono realizzati in oro massiccio possono essere portati presso un negozio che compra oro. In questo caos, è il cliente che diventa il venditore: l’oggetto che ha portato viene pesato e pagato dal negozio che poi lo venderà a sua volt o lo rifonderà. L’oro vien pagato al gramo secondo la quotazione del negozio e perciò non importa che l’oggetto che si vuole vendere è rovinato oppure rotto. Quello che concorre a determinare il suo valore è solo il suo peso. Ci sono moltissimi oggetti in oro come possono esser spille, gemelli per la camicia, soprammobili etc. che possono esser venduti per avere un immediato guadagno.

Le monete da collezione

Un tempo le monete erano realizzate in oro massico e valevano quanto valeva l’oro usato per realizzarle. Oggi non è più così e le monete non sono più in roro anche se ce sono alcune in metallo prezioso da collezione. Non molto lo sanno ma queste monete sono perfette per fare un investimento a lungo termine; infatti, si compra oggi una moneta da collezione per portarla un domani al negozio di compro oro a avere un bel guadagno. L’oro nel tempo mantiene alto e fisso il suo valore, permettendo di avere un profitto.

Maggiori dettagli sono sul sito www.comproororoma.info