Pressione della caldaia: come tenerla sotto controllo

Il corretto livello della pressione della caldaia è fondamentale per far sì che l’impianto possa funzionare correttamente, per ridurre i costi, per tenere sotto controllo i consumi e soprattutto per assicurarsi che l’impianto sia sempre in buone condizioni.

Impostare correttamente la pressione dell’acqua calda, sapere come e quando alzare o abbassare la pressione può anche causare qualche difficoltà a chi non sa dove mettere le mani.

 

Nell’impianto tradizionale di riscaldamento, l’acqua dei radiatori si sposta attraverso un circuito chiuso di tubature. Man mano che aumenta la temperatura anche la pressione della caldaia si alza e questo mette in funzione il vaso di espansione presente nella maggior parte degli apparecchi.

 

E’ importante ricordare che per regolare la temperatura non va abbassata o alzata la pressione della caldaia, ma basta utilizzare i comandi presenti nell’apparecchio.

Per tutti questi motivi è utile sapere quando il livello della pressione è alto o basso e soprattutto perché. Cerchiamo dunque di capire come intervenire e perché la pressione della caldaia è così importante!

 

Controllare e regolare la pressione della caldaia: cosa c’è da sapere

Nella stragrande maggioranza dei modelli di caldaia è presente un manometro. Può essere analogico o digitale, nelle caldaie più moderne ed è proprio il manometro che consente poter controllare il livello della pressione in qualsiasi momento.

 

Qualora sia necessario alzare la pressione della caldaia, bisogna cercare il rubinetto di carico generalmente situato nella parte bassa della caldaia. Azionando questo rubinetto si immette acqua nel circuito e questo determina un innalzamento della pressione.

 

Qualora invece si voglia abbassare la pressione si può intervenire direttamente tramite i termosifoni aprendo la valvola di sfiato presente in ognuno di ognuno di questi. Un ulteriore trucchetto da tenere a mente in questo caso è di partire facendo sfiatare prima i termosifoni situati e poi quelli presenti nei piani bassi dell’edificio.

 

Il livello ottimale della pressione della caldaia con impianto a freddo è di 1,5 bar, ma con i termosifoni accesi può arrivare anche a 2. Mantenere un livello regolare della pressione è importante sia per tener sotto controllo i consumi sia per non danneggiare la caldaia. Per questo è sempre bene affidarsi a tecnici esperti come quelli dell’assistenza caldaie a Roma.