Orecchini un immancabile prezioso nel portagioie: le caratteristiche e gli abbinamenti

Regalare dei gioielli significa regalare qualcosa nato per durare eternamente. Un classico sempre valido che non passa mai di moda. Oggi i brand che propongono gioielli belli e di qualità sono diversi e danno la possibilità di sbizzarrirsi anche ad un prezzo medio, basta pensare per esempio ai gioielli del noto brand Morellato.

Se in tempi antichi i gioielli erano solo quelli in oro e pietre preziose, oggi non è più così, anche alla luce di una diffusione di allergie etc. Nella scelta di un gioiello non è più il valore economico del materiale quello che conta, ma la sua resistenza nel tempo e il suo restare inalterato con il passare degli anni. I più diffusi oggi sono i bijoux in acciaio inox e in materiali anallergici.

Gli orecchini: luce nelle zone d’ombra

Gli orecchini sono uno dei gioielli più diffusi. C’è chi non indossa collane, anelli, bracciali, ma è molto raro trovare qualcuno che non porti gli orecchini. Questo prezioso ha un passato molto antico e lo troviamo in tutte le civiltà in diverse forme e materiali: quindi in Egitto, in Assiria, in Grecia e anche in Europa in tutte le epoche, su uomini e sulle donne. Per alcune culture questi oggetti coincidevano con un rito di iniziazione: la foratura dei lobi infatti era un momento di passaggio all’età adulta. Oggi è uno strumento di seduzione e di vanità per l’uomo, ma soprattutto per la donna ovviamente.

Nessuna collezione di gioielli può prescindere dall’avere orecchini da proporre, nelle loro diverse versioni. Anche un marchio rinomato come Morellato, vanta una ricca collezione di orecchini di tutti i generi: lunghi, corti, di design, sportivi, classici, eleganti e chi più ne ha, più ne metta. Gli orecchini sono il gioiello più piccolo, ma sono sempre capaci di dare un tocco di eleganza a qualunque outfit. Non esiste un look in cui gli orecchini non vadano bene, a differenza invece di altri tipi di gioielli.

Caratteristiche degli orecchini: scegliere il giusto modello

Una prima distinzione da fare per quanto riguarda questo tipo di bijoux è il periodo dell’anno in cui si indossa: di solito per l’estate si può osare un po’ di più con la lunghezza perché la parte del collo è più libera, mentre in inverno è più facile indossare orecchini corti a foro, perché non si rischia di incastrarsi con colli alti, sciarpe, berretti. Per scegliere lo stile è necessario valutare l’occasione e il look di chi li indossa, senza dimenticare di valutare la forma del viso.

Le forme possono essere diverse, di norma si distingue fra:

  • orecchini a cerchio, con diametro più o meno grande e forme diverse. Il termine a cerchio infatti non definisce necessariamente la forma esatta, ma il modello di orecchino. La chiusura in questo caso è di solito a monachella, in cui una parte che fa da perno viene inserita in una chiusura simile alla farfallina. Questo modello è perfetto per chi ha un viso ovale.
  • Orecchini pendenti, costituiti da una parte che si fissa al buco dell’orecchio e da un’altra che penzola ai lati del volto. Questi orecchini sono perfetti per chi ha un viso a triangolo perché addolciscono.
  • Orecchini chandelier, ovvero gli orecchini a lampadario, in cui la parte pendente è importante e vistosa, non a caso sono perfetti per la sera. Essi possono essere fissati al lobo con la farfalla o con l’uncino. Questi orecchini allungati sono perfetti per chi ha un viso tondo.