DIPLOMA IN UN ANNO

Con la formula www.scuolaonline.com è possibile recuperare gli anni e ottenere il diploma in un anno. Per poter affrontare un tale percorso alternativo bisogna avere concluso almeno due anni scolastici, ovviamente 1a e 2a superiore, il 3° e il 4° anno possono essere riassunti insieme, il test finale ti darà l’accesso al quinto anno, quindi al diploma.

Continua a leggere

Tutto quello che hai sempre voluto sapere sull’attività del compro oro.

L’oro: un metallo molto prezioso.

L’oro è un metallo prezioso che è quotato sul mercato valori. Il valore dell’oro cambia continuamente durante il giorno, fino a quando la borsa di Londra chiude. I valori datai dalla borsa di Londra rappresentano la quotazione ufficiale sulla quale si baseranno le compravendita dell’oro. Questo metallo è molto prezioso perché è considerato come un bene rifugio:  anche in periodi di crisi e di oscillazioni del mercato, l’oro mantiene fisso il suo valore e perciò è un buon investimento per coprirsi dai rischi di inflazione.

Continua a leggere

Come pulire i vari elementi del bagno.

Pulizia delle piastrelle.

Anche ogni impresa di pulizie Roma pulisce a fondo le piastrelle che rivestono le pareti del bagno.  Quelle del pavimento possono essere trattate allo stesso modo di quelle del rivestimento, perciò le regole sono le stesse. In commercio trovi moltissimi detergenti per la pulizia delle piastrelle, anche alternative ecologiche che non contengono prodotti chimici. Scegli dei prodotti in schiuma magari un po’  abrasivi per riportare la superficie all’originaria brillantezza. Usa la buccia di agrumi (limone o arancia) per pulire le piastrelle in modo ecologico e anche efficacie. Passarla buccia nelle fughe delle piastrelle, lasciando agire prima di sciacquare. Utilizzare la buccia aiuta a sciogliere lo sporco grazie all’alto contenuto acido citrico. Inoltre, questo rimedio fai da te lascia un buonissimo profumo nel tuo bagno: altro che i profumatori!

Continua a leggere

Porte blindate: le 6 classi di sicurezza.

Le porte blindate non sono tutte uguali e il loro livello di sicurezza è indicato con un numero che va da 1 a 6: più alto è il valore, maggiore è la sicurezza garantita. Un buon pronto intervento fabbro Roma è in grado di consigliare al meglio nella scelta.

1 e 2.

Le porte blindate che hanno una classe di sicurezza 1 o 2 sono in grado di resistere ad attacchi da parte di scassinatori improvvisati, che utilizzano strumenti rudimentali o la forza fisica. Le porte di questo tipo sono perfette per tutti i contesti lavorativi a basso rischio come capannoni, magazzini, uffici etc. Questo tipo di porte può essere impiegato anche in contesti abitativi ma non sono adatte per fare da porta d’ingresso , si utilizzano porte con questa caratteristiche per fare da capo scala, cioè la prima porta che si deve aprire per entrare nel giro scale di un condominio.

Continua a leggere

La dolcezza dei muffin al cioccolato

A chi non piacciono i muffin al cioccolato? I celebri dolcetti soffici e fragranti rappresentano la passione di grandi e piccoli, e sono conosciuti in tutti i paesi del mondo. Gli esperti di pasticceria sanno che preparare i muffins è piuttosto facile, ma è necessario conoscere con precisione le dosi per poter raggiungere un risultato perfetto e delizioso. tortadimele.it, il sito dedicato agli appassionati della pasticceria e della cucina in genere, ti propone la ricetta per preparare i muffins al cioccolato a regola d’arte, illustrando con chiarezza ogni passaggio per garantire il successo. Profumati e invitanti, questi dolcetti piacciono molto ai bimbi, ma saranno graditi anche ai grandi, grazie alla morbidezza e all’inconfondibile gusto del cacao amaro e delle gocce di cioccolato.

Continua a leggere

Le 6 classi di sicurezza delle porte.

Le porte si classificano con un numero cha va da 1 a 6; più alto è il valore, più è sicura la porta. Vediamo nel dettaglio le 6 classi.

  1. Le porte blindate che hanno classe 1 sono in grado di resistere agli attacchi di uno scassinatore che utilizza la forza fisica per entrare. Le porte di classe 1 sono spesso utilizzate in magazzini e capannoni, oppure sono installate dal pronto intervento fabbro Roma come porte d’ingresso in un condominio.
  2. Le porte blindate che hanno classe 2 son quelle che possono resistere all’attacco di un ladro che utilizza degli strumenti semplici per scassinare come cacciaviti o tenaglie. Al pari delle porte di classe uno, anche questa tipologia è indicata per essere installata come capo porta in condomini dove il rischio di effrazioni è superiore. È utilizzata anche per uffici, magazzini, capannoni e altri ambienti lavorativi.
  3. La classe 3, invece, è la prima classe che è indicata per l’uso abitativo. Si tratta di porte che garantiscono al resistenza a un attacco di uno scassinatore munito di piede di proco per far leva. Anche questa porta può essere una capo porta in ambienti rischiosi oppure per case e villette isolate, dove il rischio è medio basso.
  4. La classe 4 caratterizza le porta blindate che sono in grado di resistere a uno scassinatore esperto che utilizza strumenti quali, per esempio, sega, martello, scalpello, trapano elettrico. Le porte blindate di classe 4 sono spesso utilizzate per uso abitativo ma anche per altri ambienti che hanno bisogno di maggiore sicurezza.
  5. Le porte blindate di classe 5 sono quelle che possono resistere anche a uno scassinatore esperto munito di trapano professionale. Data la maggiore sicurezza, le porte di classe 5 sono utilizzate in gioielleria, banca,  ambienti militari etc.
  6. Le porte di classe 6 son oil top della gamma e garantiscono la massima resistenza contro i tentativi di scasso di ladri esperti che utilizzano strumenti potenti. Si installano porte di classe 6 in banche, gioiellerie, banche dati etc.

Continua a leggere

Organizzare il tuo trasloco in 5 semplici fasi.

Fase uno: preparare il materiale e imballare.

Per i tuoi traslochi Milano hai bisogno di procurarti alcuni materiali come per esempio gli scatoloni e lo scotch da pacchi. Chiedi a un commerciante di salvarti alcuni scatoloni di media e piccola misura. Puoi anche chiedere all’ortofrutta di darti alcune cassette di plastica che tornano utili nei traslochi Milano. Procurati anche fogli di  giornale per imballare. Puoi iniziare a imballare prima della data dei traslochi Milano: puoi mettere negli scatoloni tute le cose che no usi quotidianamente come libri, dvd, bicchieri da vino, servizi di porcellana, abiti non della stagione, etc. Scrivi su ogni scatolone con un pennarello indelebile dove va messa onde evitare confusione e disordine.

Continua a leggere

Le 5 regole d’oro per una cameretta sana e igienica

Consigli sulla scelta della cameretta ideale:

  1. Sufficiente aereazione. Il primo consiglio per creare un ambiente sano all’interno delle camerette è avere una buona aerazione, al fine di garantire lo scambio d’aria e far entrare ossigeno fresco. La finestra deve essere delle dimensioni adeguate. Meglio prestare attenzione alle porte finestre che danno sul balcone, dal quale i bambini si potrebbero sporgere e cadere, perciò è bene installare una rete.
  2. La temperatura. All’interno delle camerette, la temperatura non deve essere troppo alta. In particolar modo, in inverno, durante il giorno, si possono tenere i termostati sui 18 – 20 gradi. Per la notte discorso cambia perché i bambini sono sotto le coperte e non si deve rischiare di farli sudare troppo. È meglio abbassare la temperatura di almeno due gradi, cioè tra i 16 – 18 gradi. Pare che temperatura non troppo elevate aiutano a riposare meglio. Nelle camerette è comunque meglio avere una temperatura leggermente inferiore al resto della casa e si può farlo grazie alle valvole termostatiche dei termosifoni. Questo discorso, ovviamente, non vale per i neonati: le ostetriche possono dare dettagli più precisi in merito alla temperatura da tenere in casa.
  3. La dimensione. Spesso si tende a lasciare la camera più piccola ai bambini ma è una mossa sbagliata perché i più piccoli hanno bisogno di spazio, non di spazi angusti. È sufficiente una camera 4 metri di per 4 per lasciare libertà di movimento ai bambini.
  4. Il tappeto. Potrebbe sembrare un modo per dare un tocco alle camerette, ma è meglio evitare i tappeti. Il motivo è semplice; innanzitutto, i bambini potrebbero inciampare e farsi male. Inoltre, i tappeti sono un ricettacolo di sporco, batteri, polvere, etc.
  5. Le prese di corrente. Per evitare degli incidenti, le prese di corrente devono essere conformi alle normative di leggi vigenti e i più piccoli non devono per nessun motivo avere a che fare con apparecchi elettrici, spine, prese, etc.

Continua a leggere